Visualizzazioni totali

BENVENUTI NEL BLOG TIRA E .......molla! ESPRIMETE LE VOSTRE IDEE E LE VOSTRE EMOZIONI

POST COMMENTI SONDAGGI SU ATTUALITA' POLITICA SENTIMENTI TEMPO LIBERO FAMIGLIA E FIGLI COSTUME SALUTE E BELLEZZA LETTURE - anche su TWITTER E FACEBOOK























Cerca nel blog

Loading...

domenica 15 maggio 2011

La cronaca morbosa

Trovo morbosa la maniera con la quale alcuni giornalisti o pseudotali si attacchino agli ultimi drammatici casi di cronaca nera italiana.
Mi riferisco ai tristi omicidi di Sarah Scazzi, di Yara Gambirasio, di Melania Carmela Rea, per citare gli ultimissimi casi. Lo stesso era accaduto per il piccolo Samuele nel 2002. Povere vittime, giovanissime vite spezzate in situazioni diverse, a causa delle piu' svariate congiunture e accomunate dalla morbosa attenzione di programmi tv che continuano ad imbastirci su puntate su puntate, spesso ripetitive, incompetenti, con "opinionisti" che tutto sono fuorché esperti, ma piu' probabilmente gente che va in tv a dire la sua perché fa un po' di audience,dietro pagamento di un gettone fisso di presenza. Spesso vedo e sento questi cinici sapientoni sparare sentenze che i giudici faticano anni per emettere o, ancor peggio, accusare piu' o meno apertamente gli investigatori di errori, lentezze, incongruenze. L' unica incongruenza a me sembra proprio questo accanimento mediatico di fronte alla sofferenza e alle miserie umane. Sarebbe meglio, dopo la doverosa informazione, un po' di silenzio e di dignità.

1 commento:

Anonimo ha detto...

é proprio vero Titti! A me, in particolare, disgusta l'enfasi con cui taluni giornalisti parlano dei morti "ammazzati" e la saccenza con cui giudicarno il lavoro, tutt'altro che facile, degli inquirenti.
Forse sarò ingenuo e sciocco a pormi questo interrogativo. Ma il cercare a tutti i costi particolari inediti,l'essere i primi a rivelare gli sviluppi delle indagini assicura loro un aumento nella busta paga o un avanzamento automatico di carriera? Ciao
tony

Si è verificato un errore nel gadget