Visualizzazioni totali

BENVENUTI NEL BLOG TIRA E .......molla! ESPRIMETE LE VOSTRE IDEE E LE VOSTRE EMOZIONI

POST COMMENTI SONDAGGI SU ATTUALITA' POLITICA SENTIMENTI TEMPO LIBERO FAMIGLIA E FIGLI COSTUME SALUTE E BELLEZZA LETTURE - anche su TWITTER E FACEBOOK























Cerca nel blog

Loading...

martedì 28 febbraio 2012

MIO MARITO E' PIU' IN FORMA DI ME!!!

Dopo circa diciotto anni di vita "insieme", rilevo una inversione di tendenza: per la prima volta mio marito è più in forma di me!!!
Sono sempre stata snella e asciutta, nonostante le tre gravidanze (ventisette mesi di pancia in tutto!) e l'allattamento, durato ben trentasei mesi diviso tre!
Non ho mai avuto il tempo, la voglia, la costanza di fare grandi cose, sport, attività fisica, palestra o altro.
Quel pochino che riuscivo a fare (un po' di ginnastica posturale per la schiena, yoga, aerobica, ballo), rubando manciate minuti al mio complicato ménage di lavoratricemogliemammafigliagiardinieracamerieracuocacolf, bastava.
Ora, tristemente, registro un cambiamento: io sono sempre più stanca, un po' appesantita, pigra, rigida, gonfia.
E lui, il gaglioffo, vive la sua seconda giovinezza.
E un biker accanito, fa decine e decine di chilometri, ha smesso di fumare, vive di regole igieniche, mangia sano e magro, adora le carni bianche, le insalatone con frutta secca (per via degli omega 3), va in palestra, fa nuoto, legge Formen e simili.

Ma non me ne starò a guardare: non mi faccio fregare così! Appena posso, Titti alla riscossa!!!




VOGLIA DI LEGGEREZZA

Ho tanta voglia di leggerezza!
Sono stanca, mi sento veramente oberata di lavoro. Scappo tutto il giorno e a volte, mi sembra, senza costrutto. Ieri ho avuto una giornata campale.
Pensavo ai miei post da scrivere, ma chi ne ha avuto il tempo!!!
La mattina il lavoro, poi il pranzo, i piatti, la cucina, i compiti, ....

E nel bel mezzo delle attività, chi mi chiama!? La maestra di mio figlio (e non è la prima volta).
E lì giù con le sue mille recriminazioni. Il mio talebano avrebbe tirato fuori le figurine dei calciatori in aula, avrebbe rifiutato di rimetterle a posto, si sarebbe rifiutato di scrivere e finanche di prendere il quaderno.
Allora lei gliele ha sequestrate....  Mi ha chiamato per dirmi che gliene ha strappate due o tre e che non gliele ridarà.
Ok, mio figlio si è comportato male. Non è la prima volta. Gli altri due sono più ubbidienti. Lui è totalmente eslege.
L'ho strigliato ben bene e l'ho punito. Ma ritengo anche che il comportamento dell'insegnante sia inadeguato. Certo, non gliel'ho detto. Rispetto l'autorità e apprezzo il suo interessamento, anche fuori dall'orario di lavoro. Ma è una persona eccessiva, lagnosa, pesante, poco autorevole o  autoritaria. Spesso, troppo spesso, richiede l'aiuto dei genitori per far rispettare le regole in classe. Ritengo che dovrebbe essere in grado di gestire la situazione da sola, per quanto le compete. Dovrebbe, se proprio necessario, fare ai genitori, convocazioni a scuola e comunicazioni scritte e non telefonate estemporanee a casa. Peraltro ricorrenti.

La giornata è continuata con un appuntamento su un cantiere, al quale sono arrivata in ritardo, poi  la spesa, la preparazione dei libri per i compiti di mia figlia che era dalla nonna, il cellulare  mi è andato in tilt, scollegandomi dal mondo, la visita ad un'amica che ha avuto un bebè, un passaggio veloce in ufficio. Alle 18.00, i "grandi " avevano appuntamento dal dentista, ove ho sostato un bel po', poi ancora farmacia, cena, cucina, ..... 
Uffa, a volte è dura davvero!!!

domenica 26 febbraio 2012

GIUSTIZIA, DOVE SEI?

SUMMUM IUS, SUMMA INIURIA, dicevano i latini. Ebbene, ne sono convinta anch'io.
L'antico brocardo sta a significare, massima giustizia, massima ingiustizia, estremo diritto, uguale ingiustizia.
Da anni in Italia si parla di riforma della Giustizia, ma non credo  si riuscirà a fare chiarezza e pulizia se non ci si decide a ..... rinunciare ad un po' di giustizia.
Intendo dire che siamo eccessivamente garantisti.
Questo, certo, ci fa onore, ma è divenuto ingestibile.
Troppe leggi, troppi processi, troppi avvocati, troppi reati.
Bisogna sfrondare, tagliare, semplificare, ridurre.
Troppi i tre gradi di giudizio possibili ipoteticamente e, spesso, realmente.
Si può finire ad ingolfare la Cassazione anche per una controversia civile del valore di mille euro!
La Suprema Corte di Giustizia degli Stati Uniti introita circa 80 giudizi l'anno, la nostra Cassazione circa 80.000.
Come possono i nostri Ermellini non restare quasi schiacciati, sommersi dalle carte? 

DOMENICA

Buongiorno, buongiorno, serena domenica.
Poltrisco a letto ancora un po', leggo, scrivo, il maritino mi porta la colazione a letto per concedersi, senza troppi sensi colpa, una fuga in bici di diverse ore, vado a messa coi cuccioli, pranzo in un piccolo ristorantino vicino casa, poi tivù, giardinaggio,compiti. Nel tardo pomeriggio, resto sola: tutti vanno allo stadio a vedere la partita. Ma resterò tranquilla e serena, mi godrò in solitudine, la casa e il telecomando della televisione.
Perchè perchè la domenica mi lasci sempre sola .........
per andare a vedere la partita ...

venerdì 24 febbraio 2012

E' tempo di pagelle


Pagelle, pagelle, pagelle. Sono una supermamma di tre figli e quando è tempo di pagelle, ogni pomeriggio devo andare a ritirarne una. Oggi, dulcis in fundo, tocca al più piccolo.

Ma tanto io conosco già la nota filastrocca: "Signora suo figlio è tanto intelligente, dotato, potrebbe primeggiare, ma ......".

Dov'è la voglia di studiare, figli miei, di impegnarsi, di fare quello che servirà per tutta la vita, di sfruttare questo tempo lieto, giovane, leggero che non tornerà mai più? 

Come mamma mi impegno, cerco di dar loro amore, tempo e soprattutto esempio, col mio incessante lavoro quotidiano. Leggo libri di noti educatori (FATE I BRAVI di Tata Lucia Rizzi, FATE I COMPITI, idem, E ADESSO BASTA, di Pellai, LE MAMME HANNO SEMPRE RAGIONE, di Bollea, I NO CHE AIUTANO A CRESCERE, ...... ), ma a volte mi sento Don Chisciotte contro i mulini a vento ..... 
Che fare?????

mercoledì 22 febbraio 2012

Il thè delle cinque, il caffè del mattino o la tisana ad ogni ora?

Da un po' ho preso l'abitudine di sorbirmi spesso delle belle tisane.
Sarà per il gran freddo, sarà che ho fame in continuazione e voglio evitare di mangiare troppo, sarà che con il dolce, ma inesorabile passare del tempo il mio metabolismo rallenta e l'intestino si impigrisce, ma gradisco sempre più spesso una tazza calda e profumata di tisana.
Ne ho diverse: dorate e avvolgenti, pungenti o rilassanti, diuretiche, regolarizzanti, concilia-sonno o tonificanti. Da sola, con mio marito, la mia mamma o una amica, ogni momento è buono: acqua sul gas, tazze di porcellana, scelta del filtro, appena un velo di zucchero e la pausa con relax è servita!

BILANCIO

Sono una persona economa e parsimoniosa. Mi piace concedermi belle cose, ma so rinunciare e ho sempre creduto di saper risparmiare.
Ho vissuto in una famiglia numerosa (quattro figli, tutti all'università fuori sede!) e piuttosto rigida sulle spese. Certo, erano altri tempo. L'auto l'avevano solo mamma e babbo; non c'erano telefonini; i "vecchi" brontolavano quando si usava il telefono di casa a lungo; scarpe e vestiti si compravano al mercato, la mattina presto, prima di andare a scuola; i pranzi erano semplici, ma nutrienti; il riscaldamento e l'acqua calda si usavano senza sprechi.
Quindi credo proprio di aver "ereditato" buone abitudini. Ma quanto mi è difficile da un po' far quadrare il mio bilancio!!!
Ho tre figli e la voce principale di spesa sono loro: scarpe, vestiti, sports, gite scolastiche, esigenze varie.
Ho bisogno di fare la spesa in continuazione. Esco, compro, torno a casa carica di buste e sistematicamente nel pomeriggio mi accorgo che manca qualcos'altro: ora il sale, ora lo zucchero, poi finisce il pane, non c'è più carne, e dov'è l'ultimo rotolo di carta igienica?
Il carburante è alle stelle, la baby sitter vuole un aumento, lo zaino del cucciolo si è rotto e così, ieri, a passeggio per negozi con mia sorella (single), ho dovuto resistere a tutte le dolci tentazioni degli ultimi saldi di stagione!

domenica 19 febbraio 2012

SBRICIOLONA ALLE MELE

Ieri sera, al pub, mio marito ha preso un crumble di mele, ma è rimasto deluso. Allora oggi gliene ho preparato uno io, visto che è il suo dolce preferito.
Ho fatto mantecare sul gas tre mele a pezzetti con zucchero e cannella. Da parte ho mescolato altro zucchero, burro e farina. Ho unito il tutto e ho messo in forno per mezz'ora a 180°. Nel frattempo, ho preparato una delicata crema inglese con tuorli, zucchero e latte. Ho sfornato e via.
Nei piatti ho scodellato due cucchiai di sbriciolona e uno di crema. Poi ho chiamato tutti a tavola per una golosa merenda!
Giornata placida, tranquilla, serena, di meritato e necessario riposo.
Sto ricaricando le batterie. Ho avuto una settimana di lavoro intenso, di straordinari, di accavallarsi di impegni ed appuntamenti. Ieri, in pausa sabbatica dal lavoro, ho dovuto dedicarmi alla casa e alle pulizie. Oggi non ho voglia di far nulla, solo di riposare, di leggere, di scrivere, di vedere la tivù, di vedere programmi leggeri. Anche perché in una famiglia come la mia una giornata apparentemente vuota è comunque bella varia e piena. Siamo cinque, i ragazzi devono fare i compiti e vogliono il mio aiuto, devo cucinare e sistemare il bucato, sempre copioso. Ma per il resto otium philosophicum .....

SANREMO

Anche quest'anno abbiamo celebrato il nostro rito sanremese, abbiamo pagato il nostro tributo ai talent, con la vittoria di Emma, visto belle donne, bellissimi vestiti, riso, ascoltato, guardato, polemizzato sugli ospiti, sulle spese, sui sistemi di voto, sulla conduzione e sulla scelta dei comici. Su tutte le polemiche ha campeggiato quella su Celentano, ma come ogni volta è fatta. Nuovi dischi, nuove arie e canzonette da canticchiare in macchina o sotto la doccia per tutta la primavera; un po' di riscatto italico sull'imperante egemonia anglofona. Va bene così, i riti tranquillizzano, cullano, rassicurano. E in questo periodo ce n'è grande bisogno!

MAL COMUNE MEZZO GAUDIO

Sono quasi compiaciuta del fatto che il presidente tedesco Wulff sia stato costretto a dimettersi per episodi di corruzione e mal costume.
Ah, finalmente, i tedeschi devono tacere; la maestrina Merkel, a causa dei guai in casa propria, per un increscioso caso di  politica interna, è obbligata a rinviare viaggi e trattative internazionali. E dire che quel presidente lo aveva voluto proprio lei.

L'espressione della Merkel è già da sola tutto un programma. Sembra pensare: "Che combinerà questo qui?"
Dunque siamo tutti uguali, uomini etici e perfettibili, ma soggetti ad appetiti ed errori!

lunedì 13 febbraio 2012

NORMALITA' ?!

Passata l'emergenza neve, si torna alla normalità.
Le scuole finalmente sono riaperte (non sapevo più come fare a gestire i cuccioli!), le strade sono comode e sgombre, la mia scrivania è, invece, sempre ingombra di carte e fascicoli (appena  ne evado uno, ne arrivano altri tre!).

L'anno scorso in questi giorni impazzava la rivolta araba del nord Africa e la protesta femminile del "Se non ora, quando?". Ma per fortuna, il 2011 è passato molto velocemente; il vecchio governo è stato archiviato; adesso c'è il nuovo che non mi pare susciti più alcuna indignazione, ma preoccupazioni e qualche mal di pancia sì.

 
In Grecia si vivono momenti difficili se non drammatici, destinati a durare per anni e a gravare sulle generazioni future.

I nostri governanti invece vanno alla grande all'estero: Mario Monti è stato ricevuto con onori alla Casa Bianca da Barak Obama e ha avuto la copertina del Time venduto in Europa, come uomo politico del momento, capace di influenzare la politica e l'economia europea, dunque mondiale; il presidente Napolitano, nonostante l'età non verde, è stato con gli altri capi di stato ad Helsinki, a rappresentate con grande dignità il Bel Paese; rientrato in Italia, oggi ha ricevuto il presidente tedesco Wulff, ......

 Oggi prime sentenze amianto e, a breve, un anniversario: 20 anni fa veniva arrestato Mario Chiesa e si apriva ufficialmente l'era di tangentopoli, che sconquassava i precari eppur radicati equilibri della prima repubblica.

Eppure ..... , è tutto normale. L'uomo si adatta ad ogni avvenimento, accetta, metabolizza grandi eventi e vive la sua quotidianeità nella routine.

venerdì 10 febbraio 2012

Libri

Fuori soffia il blizard o burion. La montagna è enorme, immobile, scura eppure bianca.
Io, dietro i vetri, leggo. Ho fatto un tuffo nella matematica assoluta, con IL DISORDINE PERFETTO, edito da Rizzoli.


È un tomo celeste,apparentemente dolce, delicato, con fogli avorio A5, che ti invita ad entrare per vivere un'avventura nei segreti della simmetria, insieme all'autore, MARCUS DU SAUTOY, già autore dell'ENIGMA DEI NUMERI PRIMI, giudicato dal nostro Umberto Eco un libro affascinantissimo con queste parole: "Non sarò mai capace di trovare il prossimo numero primo, ma mi sono sorpreso a sfiorare vertigini metafisiche".
L'autore MARCUS Du  SAUTOY
Bene, lo sto facendo anch'io, grazie alla mia amica Janette, che per sfottermi sulla mia mania d'ordine e simmetria, mi ha regalato tempo fa questo libro. È una lettura per me diversa, ma può essere un viaggio interessante ed insolito nei misteri della Matematica, abbandonata ai tempi del liceo e mai più frequentata.
SIMMETRIE SPAGNOLE: L'ALHAMBRA
Il must del giorno per andare avanti nell'ostico passatempo culturale: aprire la mente a cose nuove e diverse!

FORTUNA

Fortuna.
Cos'è la fortuna? Dall'etimo latino è il caso, la sorte: O è qualcosa di diverso?
Il caso potrebbe essere solo un alibi per deboli o ...... sfortunati.
Dea bendata che colpisce o premia a casaccio, ma anche autodeterminazione: Quisque faber fortunae suae.
Chi lo sa?
Ma a me oggi piace pensare come Luis Pasteur, che scrisse: La fortuna favorisce la mente preparata.

Cioè, sveglia! Tutti pronti a fare, a costruirci, ad accettare quel che il caso può portarci, ma anche a riconoscere la "fortuna" quando passa e ad afferrarla al volo!

martedì 7 febbraio 2012

IL CASO DI ROCCAVENTOSA - CAPITOLO V

.... SEGUE
PRIME INDAGINI

  Costa sentì un po’ di trambusto al piano di sotto. Socchiuse la porta e sentì un vociare sommesso e confuso. Si affacciò dal ballatoio. Tutti gli estranei in visita vennero fatti uscire. Il grande portone antico di rovere fu chiuso. Scese giù.
  Don Edoardo gli fece cenno di accomodarsi in un salottino a pian terreno. Era una stanza piuttosto grande, posta sul alto est del palazzo. C’era un’ampia porta finestra che dava sul giardino.
  La stanza era moderna o, perlomeno, rimodernata di fresco. Non c’era quel senso di antico, quella patina del tempo che si respirava negli altri ambienti. Il soffitto era stato evidentemente abbassato con una controsoffittatura in cartone e gessolino tinteggiata di bianco. Le pareti era rivestite di carta operata.
  Vicino al balcone c’era un salottino di velluto damascato con una bordura di frange e ciuffetti di passamaneria color crema e penicillina.......

                                                                                                                                     .... SEGUE

DUE ANNI

IL 29 DI GENNAIO IL MIO PICCOLO BLOG HA COMPIUTO DUE ANNI!
E' ANCORA PICCOLO, PARLOTTA E HA APPENA IMPARATO A SGAMBETTARE, MA IO NE SONO FELICE, COME OGNI MAMMA LO E' DELLE SUE CREATURE.
SI PUO' FARE DI MEGLIO ED IO TENTERO'!!!

60 ANNI DI REGNO



Ieri, Sua Maestà Elisabetta II di Windsor ha avuto il privilegio di festeggiare ben sessant'anni di regno.
Caso rarissimo, se non unico. 
Prestò giuramento giovanissima, assumendo sulle sue tenere spalle onori ed oneri non comuni. 
E c'è da dire che ella è stata fedele alle parole pronunciate in quel giorno lontano:
"Sarò fedele fino alla morte al regno e alla corona".
E così è stato.
Io non sono di certo una monarchica, ma queste  mondanità, questi fasti, spiegano su di me il loro fascino.
Perchè anche noi, donne moderne del terzo millennio, abbiamo avuto i nostri sogni; anche a noi sono state raccontate favole di principesse e principi azzurri che giungevano su bianchi destrieri  a risolvere ogni ambascia.
Ma al di là di questo, quello che apprezzo e ho sempre apprezzato di questa regina è il suo carattere, la sua forza granitica di reggere ogni bordata, riuscendo a restare viva, vegeta e forte al timone della sua ... nave.
E' stata una donna ultrafortunata, è vero, ma ha anche dovuto sopportare ogni genere di colpo: dai tradimenti, si dice, ripetuti del principe consorte, alle intemperanze dei figli, dagli scandali causati dalle nuore alle convenienze politiche, economiche, storiche.
E lei, come si conviene ad una persona che occupa quel posto, si è mostrata sempre serena, imperturbabile, super partes, sorridente, incrollabile, uguale a se stessa, con tanto di gioielli e cappellini, di abiti pastello e diadema, a suggerire con la sua sola immagine idea di equilibrio e tranquillità.
Dunque, auguri e Dio salvi la Regina!!!!!

lunedì 6 febbraio 2012

Gran freddo



Ancora bloccati dalla neve e dal gelo. Questa notte i termosifoni sono andati di nuovo in blocco. Ho dormito con un cappello di pile per difendermi dal solito mal di testa. Stamattina, al risveglio, ho scoperto che nevicava ancora. Ho tentato di aprire le imposte, ma le persiane della camera sono bloccate da montagne di soffice e resistente biancore. Le scuole e gli uffici sono chiusi. Al lavoro nessuno mi risponde.
Allora basta. Ho deciso di godermi questa situazione. Starò in casa tutto il tempo, con i miei cucciolotti, accenderò il fuoco, mi farò un altro caffè e riposerò tra letto, poltrona e divano, con libri, riviste, blog, Costa, diario,.......

domenica 5 febbraio 2012

Ho la mania di scrivere, elencare, catalogare. Da sempre faccio statistiche conti inventari. Chissà perché? Ho sempre un disperato, spasmodico bisogno di far ordine, di mettere e tenere tutto a posto! Forse per domare il caos di emozioni che c'è in me? Ma non sono un po' cresciutella ormai?!
Da quanto desideravo un pomeriggio così! Impossibilitata a fare qualsiasi cosa, sto da ore a leggere. Sto togliendo dal mio comodino un bel po' di libri ammucchiati qui da mesi. Alcuni non mi piacevano proprio, ma mi ostinavo a non riporli. Oggi li ho aperti, sfogliati, leggiucchiati, saltando da una pagina all'altra, da un capitolo all'altro. Ho letto solo per grandi linee, quello che poteva interessarmi di più. Per il resto, via, di nuovo archiviati nel mio studio!

NEVE

NEVE SU VENAFRO
Ancora tutto fermo, ancora tutto bianco. Non è come la nevicata del "56, allorquando la neve arrivò alle finestre delle case, ma ci siamo vicini. Disagi, strade bloccate, negozi chiusi. La cosa peggiore,oltre il freddo e il blocco della viabilità, è la mancanza di corrente elettrica, che determina isolamento telefonico, mancanza d'acqua e di riscaldamento.

CAMBIO SFONDO ......

Sfondo invernale e innevato per il mio blog! In linea col meteo.
Tutto è bianco, stamattina, al risveglio,  la coltre era scesa e continuava a fioccare.
Ho svegliato ugualmente i bambini, abbiamo fatto colazione ed eravamo pronti ad iniziare la giornata, ma  ben presto abbiamo avuto notizia della chiusura delle scuole per almeno due giorni.
Mio marito è uscito, a piedi, in perlustrazione.
Io mi sono avventurata fuori, per andare al lavoro.
Ho dovuto togliere la neve che era caduta sull'auto. Sono andata in garage a cercare qualcosa e la prima cosa che ho trovato è stata una pinna. Perfetta per pulire i vetri dell'auto!!!
Una pinna e la neve! Il bianco e il nero! Un matrimonio inconsueto che ho celebrato ridendo.
Sono partita e dopo tre chilometri e varie sdrucciolate ho capito che non ce l'avrei mai fatta ad arrivare incolume al lavoro, così ho telefonato, avvertito e sono rientrata. Ora sono nel bianco coi figli e mi godo l'inconsueta atmosfera.
Si è verificato un errore nel gadget